08.06.2018

IL RESTAURO DEL TRABUCCO DI SAN LORENZO LA RINASCITA DEL MONUMENTO DEL MARE

Un restauro durato tre mesi, di cui un mese per il consolidamento delle basi e due mesi per il restauro del ponte, trentaquattro nuovi pali in legno di Pino di Aleppo trattati in autoclave, due nuove antenne alte trenta metri, due nuovi alberi e due pennoncini.

News 720_385   111103_p1cfeup1gg12o51vlu8e238l3k511_0

Prende così vita il nuovo trabucco di San Lorenzo, situato a pochi chilometri dal centro di Vieste sulla litoranea per Peschici, sottratto all’abbandono e al degrado e ricostruito grazie ad Amgas Blu e all’Associazione La rinascita dei trabucchi storici del Gargano.

Inaugurato oggi alla presenza dei vertici di Amgas Blu, del Gruppo Ascopiave e dall’Associazione La rinascita dei trabucchi storici, il trabucco di San Lorenzo, antica macchina da pesca, è stato riportato alla sua funzione originaria. Ha una storia di quasi 120 anni ed è stato tra i trabucchi più pescosi del secolo scorso. Il restauro ha impegnato cinque trabuccolanti, di cui tre mastri e due apprendisti, i membri dell’Associazione e un pescatore che ha realizzato la nuova rete da pesca. La sua totale ricostruzione rende oggi il trabucco perfettamente operativo e funzionante per le molteplici prossime ‘virate’ (battute di pesca).

111103_p1cfeup1gfbide1u1e5fp5v1okpo_0

«Abbiamo subito accolto la proposta dell’Associazione La rinascita dei trabucchi storici per il restauro del trabucco di San Lorenzo – spiega Giuseppe Chiappinelli, presidente di Amgas Blu –. Siamo un’azienda per la fornitura di luce e gas fra le più vantaggiose della provincia, ma anche una realtà del territorio impegnata a lasciare un segno tangibile alla comunità. Il restauro del trabucco consentirà, infatti, di organizzare momenti culturali di divulgazione e di promozione delle vecchie tradizioni marinare delle coste pugliesi. Il restauro del trabucco rientra, infatti, tra le iniziative promosse attraverso il progetto Aria (Il Gruppo Ascopiave RIspetta l’Ambiente) per la conservazione e la valorizzazione del territorio.»

111103_p1cfeup1gdfbdc6qpdq2et1smad_0 Il felice connubio tra Amgas Blu e l’Associazione La rinascita dei trabucchi storici è un esempio di come la collaborazione tra le realtà del territorio consenta di realizzare proficui progetti di interesse collettivo arricchendo il territorio.
«La nostra Associazione – dichiara Matteo Silvestri, presidente dell’Associazione La rinascita dei trabucchi storici – ha come fondatori l’ultima generazione di anziani ‘mastri trabuccolanti’ che con fatica e ingegno hanno preservato fino a oggi la cultura del trabucchi garganici. L’Associazione si occupa di ricostruire i trabucchi storici in stato di abbandono e riportarli alla funzione originaria della peculiare pesca ‘a trabucco’. Il trabucco di San Lorenzo si trova in una posizione strategica per l’afflusso di turisti e locali e nella memoria di questi ultimi il trabucco è molto presente».
La costa dei trabucchi che va da Vieste a Peschici si arricchisce, così oggi, di un altro straordinario monumento del mare.

Torna alle altre news